giovedì 23 novembre 2017  -  Fai diventare questo sito la tua Home Page   Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti   Scrivici   Feed Rss  Facebook 
 
Home page
Da leggere subito
Chi siamo
Dove siamo
Le nostre attività
Ospitalità Ctg
Notizie Ctg
Siti e news territoriali Ctg
Come associarsi
Sconti ai Soci
accordi Siae,Enpals,ecc.
Documenti utili
CampagneSocial
Link e utilità diverse
Area riservata dirigenti
 
 
 
Link e utilità diverse


Home Page > Link e utilità diverse > archivio notizie e documenti > Progetti L.383 > Bando 2011 lettera D

Bando 2011 lettera D

ALLEGATO N

 

 

CTG: FORMARE ALL’USO DEI NUOVI STRUMENTI DI AGGREGAZIONE SOCIALE

 

Descrizione dell’iniziativa

L’idea

Il Centro Turistico Giovanile (CTG) è un'associazione nazionale senza scopo di lucro che, ispirandosi alla concezione cristiana dell'uomo e della vita, promuove e realizza progetti educativi e di formazione integrale della persona, nei settori del turismo giovanile e sociale, del tempo libero, dell'ambiente e del volontariato culturale. Nato nel 1949, il CTG oggi si estende in tutta Italia con centinaia di realtà tra gruppi di base e centri di vacanza in località di grande richiamo turistico e naturalistico, con una rete diffusa di comitati provinciali e di consigli regionali, coinvolgendo ogni anno migliaia di persone nelle proprie attività. La presente idea progettuale si pone in continuità con le precedenti ed è stata specificamente concepita per formare i dirigenti associativi e i giovani volontari dell’associazione all’utilizzo delle nuove tecnologie e in particolare dei social network. L’iniziativa formativa è finalizzata a comunicare e diffondere efficacemente i valori di cui l’associazione si fa portatrice, sin dalla sua fondazione.

Nelle società contemporanee, i viaggi, le reti sociali e le forme della comunicazione in tempo reale mediata dalle nuove tecnologie (conversazioni telefoniche, e-mail, chat, blog, social network) sono in rapidissima coevoluzione e ciò significa che si influenzano reciprocamente mentre si sviluppano e si trasformano. In vista della valorizzazione dell’offerta del turismo sociale è necessaria una strategia comunicativa pienamente integrata alle dinamiche dei nuovi mezzi di comunicazione: i social media. La rivoluzione tecnologica, del resto, oltre alle conseguenze sociali, politiche, ed economiche, sta producendo importanti cambiamenti anche nelle nostre abilità cognitive. La formazione è fondamentale per sviluppare il pensiero per immagini e il pensiero in parallelo, migliorare la prontezza a cogliere e affrontare l'inaspettato, alimentare una nuova socialità, che richiede capacità cognitive, emotive e sociali sempre nuove. Questa nuova socialità è ancora poco nota: è fatta di apparenti solitudini e improvvisi incontri, spesso di moltitudini. È rilevante anche nell'apprendimento cooperativo, nella generazione di contenuti peer-to-peer e risulta ormai centrale nella formazione del consenso e delle aggregazioni sociali. Di questo si conosce ancora troppo poco. Imparare a conoscere ed utilizzare i social network e i nuovi strumenti della tecnologia mobile permette non solo di comunicare ma anche e soprattutto di aggregare proposte positive e pertanto diffondere e trasmettere valori e creare consenso su proposte positive.

Le esigenze rilevate

Le nuove tecnologie richiedono una continua ri-alfabetizzazione, vista la rapidità con cui si evolvono: per la prima volta nella storia dei media e nella storia della cultura abbiamo a che fare con un sistema di comunicazione e trasmissione delle informazioni che non tiene conto delle distanze ed inaugura la riflessione sul concetto di “connettività”. Questo concetto prefigura nuove istanze psicologiche, nuove possibilità sociali ed inedite opportunità democratiche. Sulle reti, al contrario della televisione che invece è “collettiva”, c'è una pertinenza particolare fra i diversi soggetti che intervengono nello scambio dell'informazione online. Il grosso balzo in avanti, la grande metamorfosi tecnologica economica e sociale, fondata sulla tecnica numerica, sull’integrazione e sulla globalizzazione, ci sta portando alla espansione del sapere e delle coscienze a livello planetario. Il digitale e il protocollo delle reti, inoltre, offrono uno spazio comune dove tecniche e culture tendono a ritrovarsi e coevolversi, superando lo sfasamento temporale con cui le une e le altre rispettivamente erano solite svilupparsi. Oggi sviluppo, innovazione e multimedialità stanno arrivando a coincidere. In questo scenario, ogni organizzazione che miri a diffondere e trasmettere valori e a creare consenso sulle proprie proposte nel panorama globale, deve mirare all’integrazione delle forme tradizionali della comunicazione con i social media. Una volta aperta la porta della consapevolezza sociale, occorre che lo spirito dell’organizzazione la attraversi pienamente perché si producano cambiamenti. Per far ciò occorre un cambio di paradigma nell’approccio alla comunicazione. I social media personificano le organizzazioni, le istituzioni e le aziende: permettono a tutti di vedere chi sono, dove sperano di arrivare e cosa le motiva. Nei nuovi media non basta udire e osservare passivamente. Per attrarre è necessario trovare una propria voce, inconfondibile e soprattutto umana, e sviluppare l’empatia, la capacità di capire veramente gli altri: afferrare in cosa credono, cosa li colpisce, li smuove, quali sono le loro sfide, i loro obiettivi, le possibilità, le esperienze. Questa competenza permette di essere connessi e partecipare al meglio alle conversazioni che strutturano gli ecosistemi sociali dinamici dell’era digitale. Passare dalle parole ai fatti è il passo successivo che permette di creare una comunità online a fianco di quella offline. Il grosso problema è che i social media sono strumenti sempre nuovi, evolvono e si espandono in continuazione con le nuove tecnologie e questo avviene sempre più rapidamente: perché diventino un’opportunità significativa ai fini della crescita di un’organizzazione e non un punto debole è necessaria una formazione specialistica continua.

 

 

 

Gli obiettivi perseguiti

Il progetto mira a fornire ai dirigenti associativi e soprattutto ai giovani volontari le competenze e le capacità pratiche per usare le nuove tecnologie e in particolare i social network. Questo utilizzo è finalizzato alla trasmissione dei valori dell’associazione e all’ampliamento della portata e dei risultati del proprio impegno.

Le interazioni persona-macchina e persona-persona tramite il computer hanno cambiato il nostro modo di concepire la realtà, l’identità, le interazioni e le inter-relazioni. Il progetto prevede di formare gli utenti al potere della multimedialità dell’informazione e ad un approccio attivo e interattivo alla comunicazione.

Verranno inoltre approfonditi rischi e opportunità connessi con le nuove forme di comunicazione, dalla tutela della riservatezza, alla nuova concezione dell’identità online, che sfida i tradizionali modi di pensare l’identità, alle grandi potenzialità di crescita personale e sociale.

 

 Le metodologie di intervento previste

Il progetto prevede la messa a punto di interventi a forte valenza formativa e la produzione di appositi materiali didattici (multimediali interattivi) per guidare gli operatori nell’uso dei social network e delle altre forme di comunicazione più innovative. In particolare, si intende accompagnare passo dopo passo il personale in formazione fino ad arrivare alla creazione di pagine specifiche per la diffusione e la promozione di manifestazioni, eventi e di qualsiasi iniziativa l’associazione intenda divulgare.

I materiali per la formazione individuale alimentano la riflessione sugli argomenti trattati ed invitano all’approfondimento. Momento di ulteriore analisi delle problematiche, nonché di preziosa sintesi, è rappresentato da cinque seminari regionali e interregionali.

Infine verranno organizzati due eventi/seminari nazionali, per arricchire la riflessione condotta ai livelli inferiori, integrandola a quella scaturita da una prospettiva di livello più alto.

L’intera iniziativa formativa sarà accompagnata da un servizio di consulenza operativa, che permetterà di acquisire le competenze per creare pagine sui social network per la promozione degli eventi dell’associazione.

La diffusione dei risultati avverrà nell’ambito di un seminario conclusivo, finalizzato a condividere i traguardi raggiunti e prospettarne di nuovi, coinvolgendo anche istituzioni e stakeholders. Un momento importante, dunque, dal punto di vista della comunicazione, poiché chiarisce dove si è giunti, orienta le mosse future e valorizza il contributo offerto da tutte le realtà istituzionali, sia pubbliche che private, eventualmente coinvolte nel progetto.

 

I risultati attesi

In primo luogo, il progetto intende portare il personale in formazione, dirigenti e volontari, alla conoscenza delle nuove forme di comunicazione e all’utilizzo delle stesse ai fini della realizzazione delle azioni e iniziative per valorizzare le attività dell’associazione a vantaggio della collettività.

Partecipare ai social network significa iniziare un non semplice percorso di trasformazione adattativa dell’organizzazione a una nuova realtà sociale, virtuale eppure quanto mai reale, che si evolve a velocità spiazzante. I social media richiedono una partecipazione attiva e solo con gradualità si arriva ad una efficace integrazione.

L’acquisizione di competenze sulle reti sociali telematiche, permetterà innanzitutto di migliorare la promozione di tutte le iniziative di CTG per la diffusione del turismo sociale: la progettazione e la promozione di offerte di viaggi in Italia e all'estero, soggiorni in montagna o al mare; escursioni e trekking, scambi di ospitalità, incontri e meeting a livello nazionale ed internazionale, per favorire la socialità delle persone, il loro stare insieme, il loro incontrarsi.

Accanto a ciò saranno divulgate efficacemente le proposte messe a punto per valorizzare il tempo libero e i momenti di svago, ad esempio attraverso attività creative, artistiche, musicali e sportive che riportano le persone ad essere protagoniste del proprio tempo.

Trasferibilità dell’iniziativa e/o dei risultati

Il problema della comunicazione efficace attraverso i social network e le nuove forme di comunicazione sociale basate sulle nuove tecnologie si pone con grande evidenza non solo per l’associazione proponente il presente progetto, ma per la quasi totalità delle entità istituzionali sia pubbliche che private che oggi vogliano realizzare una comunicazione efficace delle proprie iniziative. La necessità di prevedere momenti formativi dello stesso genere su queste problematiche anche in ambiti diversi da quello oggetto del presente progetto è fuori discussione. Oggi è fondamentale per esistere ed avere una rilevanza sociale: imparare a osservare e registrare tutto ciò che si realizza nei nuovi ecosistemi sociali mediatici; quindi iniziare a partecipare attivamente alle conversazioni, imparando dai propri errori e consolidando una propria esperienza; fino a strutturare una comunità digitale reale con cui, partendo dal dialogo, evolversi, attraverso una sorta di trasformazione adattativa, avente mutualistici vantaggi.

Il progetto dimostra quanto le nuove forme della comunicazione richiedano un processo lento e complesso di avvicinamento e integrazione. L’iniziativa e gli obiettivi formativi raggiunti presentano caratteristiche di flessibilità che ne consentono la trasferibilità ad azioni e progetti simili. In generale il progetto sembra potersi indirizzare efficacemente a tutti coloro i quali necessitano di acquisire competenze pratiche sull’utilizzo dei social network.

 

Durata complessiva dell’iniziativa 12 mesi

 

Diagramma di Gannt dell’iniziativa

FASE

DESCRIZIONE FASI

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

1

Progettazione esecutiva, seminario di lancio

x

x

x

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2

Preparazione dei materiali didattici, realizzazione seminari regionali e interregionali e miglioramento dell’informatizzazione

 

 

x

x

x

x

x

x

x

x

 

 

3

Formazione a distanza e seminario finale

 

 

 

 

 

 

 

x

x

x

x

x

4

Monitoraggio

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

 

Ambito territoriale Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sicilia, Toscana Trentino Alto Adige, Umbria, Veneto

 

Destinatari dell’iniziativa L’iniziativa coinvolgerà 250 volontari e dirigenti del CTG

 

Utilizzo/produzione di strumenti e prodotti tecnologicamente avanzati ed interattivi Verrà realizzato un dvd interattivo di supporto alla formazione. Il dvd interattivo è uno strumento che può essere fruito tanto su computer che su televisore munito di lettore e pertanto raggiunge una vastissima platea di beneficiari. Il dvd prodotto conterrà un percorso formativo accompagnato da documenti, testi, immagini, filmati ed esempi. L’iniziativa consentirà di insegnare a realizzare e realizzare pagine/eventi via Facebook e utilizzando altri social network.

 

Saranno inoltre previsti

Corsi di formazione diretta con presenza in aula e Corsi di formazione a distanza :


 
 Il parere dell'esperto e i materiali didattici
In questa sezione potrai trovare l'approfondimento di Gabrile Torresan, ricercatore e formatore ed i materiali prodotti nell'ambiro del iniziativa lettera D2011
 
Spaziatore
  Spaziatore New - 
Scarica file   Le nuove tecnologie, le reti sociali e la pastorale del turismo
Spaziatore
Spaziatore
Scarica file   il questionario di ricerca
Spaziatore
Spaziatore

Torna alla pagina precedente

Da leggere subito  | Chi siamo  | Dove siamo  | Le nostre attività  | Ospitalità Ctg  | Notizie Ctg  | Siti e news territoriali Ctg  | Come associarsi  | Sconti ai Soci  | accordi Siae,Enpals,ecc.  | Documenti utili  | CampagneSocial  | Link e utilità diverse  | Area riservata dirigenti
 
  CTG - Via della Pigna, 13/a - 00186 Roma (RM) - tel. 06.679.50.77 - fax 06.697.56.174 - ctg@ctg.it - C.F. 80206690580
Sito ufficiale CTG Centro Turistico Giovanile - Copyright © 2017 CTG - Powered by Soluzione-web -
 
  SantaBona Hospites Itinerari Veneti Servizio offerto da  Soluzione