sabato 26 maggio 2018  -  Fai diventare questo sito la tua Home Page   Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti   Scrivici   Feed Rss  Facebook 
 
Home page
Chi siamo
Notizie Ctg
Come associarsi
Sconti ai Soci
dal territorio: siti e news
CampagneSocial
Area riservata dirigenti
Turismo in stile Ctg
Cultura & Beni Culturali
Ambiente
Tempo libero
Giovanissimi
Ospitalità Ctg
Link e utilità diverse
 
 
 
dal territorio: siti e news


Home Page > dal territorio: siti e news > WWW.CTGVENETO.IT > Le notizie dai comitati e gruppi > A Badia Polesine 430 giò madonnari in piazza !

A Badia Polesine 430 giò madonnari in piazza !
coinvolte le scuole della città

FAC-SIMILE DI ATTO COSTITUTIVO DEL GRUPPO CTG

 

A  Badia Polesine una piazza colorata di bambini

 

Nell’anno dedicato al 150° dell’Unità d’Italia poteva una piazza intitolata a Vittorio Emanuele II° non ospitare la manifestazione Giò madonnari dedicata all’evento ?

Certo che no!

Ed è così che Badia Polesine quest’anno ha riempito di colori il suo centro storico per una mattinata di gioia e di festa cui hanno partecipato oltre 430 alunni delle scuole elementari della città, nonché alcuni bambini della scuola materna Paola di Rosa.

Infatti per la prima volta il locale gruppo CTG la Mongolfiera ha chiesto e ottenuto la preziosa collaborazione e la partecipazione della direzione scolastica e degli insegnanti, inserendo la manifestazione nel quadro di una apposita cerimonia ufficiale del Comune per l’anniversario dell’Unità.   Il corteo tricolore dei ragazzi - che per l’ccasione indossavano magliette bianche, rosse e verdi fornendo un colpo d’occhio altamente suggestivo - snodatosi  dagli edifici scolastici alla piazza centrale, è stato infatti aperto dal cerimoniere comunale in alta uniforme, assieme a due alfieri con la bandiera italiana e quella del Ctg.

 

E’ toccato al sindaco Fantato fare “gli onori di casa” assieme ad alcuni consiglieri comunali e alla presidente del gruppo Loretta Guerrini Dal Ben, salutando tutti i partecipanti e le varie autorità civili, religiose e militari presenti, mentre altre, come Zaia, Presidente della Regione, avevano fatto pervenire un messaggio scritto di plauso e saluto.

Nonostante le poco floride casse comunali il Primo cittadino si è poi lanciato in un “gelato per tutti, paga il sindaco”, ma gli è andata bene, dato che la gelateria era ancora chiusa ! E comunque i ragazzi hanno potuto in ogni caso godere del ricco spuntino preparato dagli organizzatori del Ctg con la collaborazione di alcune ditte locali.

 

Condotta come speaker da Paolo Aguzzoni, giornalista del Gazzettino, la mattinata ha avuto un simpatico prologo.

Appena arrivati sulla piazza i ragazzi si sono disposti in gruppi, ognuno dei quali recava con sè la sagoma in cartone di una delle regioni d’Italia. E, un gruppo alla volta, partendo dalle Alpi per arrivare alle Isole, ogni regione è stata collocata sul selciato, fino a formare il grande stivale italiano, nonostante un venticello dispettoso tentasse di scompaginare il tutto, unendo la Sicilia al Veneto e spingendo la Toscana al largo, a fare da isola gemella alla Sardegna.

Ma è bastato un po’ di nastro adesivo per salvare … l’Unità d’ Italia !

 

Scherzi a parte, si è trattato di un momento altamente emozionante, come lo sono state pure le occasioni in cui è risuonato l’inno di Mameli intonato da quasi cinquecento ragazzi. Veramente una cosa da far accapponare la pelle e far luccicare un po’ di occhi.

 

Poi – finalmente - tutti giù per terra, a disegnare, a colorare, ad impastricciarsi con i gessetti, cimentandosi nel raccontare con le immagini il tema dei “Fratelli d’Italia”.

E devo personalmente confessare che faceva una certa impressione vedere anche un bel po’ di  bambini con caratteri somatici non proprio locali (occhi a mandorla, pelle più o meno scura, tratti arabi o sudamericani e così via) impegnati a disegnare i colori di una bandiera e di una storia che in futuro sarà sempre più anche loro patrimonio, assieme ai bis-bis-bisnipoti di coloro che, purtroppo ormai quasi dimenticati, riposano negli ossari delle a noi vicine Solferino, San Martino, Custoza, Curtatone, Montanara e tanti altri campi di battaglie risorgimentali.

 

Una nota triste?

No, ma anche una giornata di festa Giò madonnari può aiutarci a non dimenticare.

Perché chi dimentica la propria storia perde anche un po’ di sé e questo diventa un guaio per tutti.

Anche questo, allora, è stato il senso e il significato di una mattinata di caldo sole che ha lasciato in tutti un senso di contentezza e soddisfazione: nei ragazzi, negli insegnanti, negli organizzatori Ctg e pure nei comuni passanti che si trovavano in piazza.

 

Tanto che, sulla via del ritorno a scuola o a casa, ecco sorgere la domanda: quale sarà il tema del prossimo anno ?

 

                                                                                       Alberto Ferrari   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente

Chi siamo  | Notizie Ctg  | Come associarsi  | Sconti ai Soci  | dal territorio: siti e news  | CampagneSocial  | Area riservata dirigenti  | Turismo in stile Ctg  | Cultura & Beni Culturali  | Ambiente  | Tempo libero  | Giovanissimi  | Ospitalità Ctg  | Link e utilità diverse
 
  CTG - Via della Pigna, 13/a - 00186 Roma (RM) - tel. 06.679.50.77 - fax 06.697.56.174 - ctg@ctg.it - C.F. 80206690580
Sito ufficiale CTG Centro Turistico Giovanile - Copyright © 2018 CTG - Powered by Soluzione-web -
 
  SantaBona Hospites Itinerari Veneti Servizio offerto da  Soluzione