sabato 25 novembre 2017  -  Fai diventare questo sito la tua Home Page   Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti   Scrivici   Feed Rss  Facebook 
 
Home page
Da leggere subito
Chi siamo
Dove siamo
Le nostre attività
Ospitalità Ctg
Notizie Ctg
Siti e news territoriali Ctg
Come associarsi
Sconti ai Soci
accordi Siae,Enpals,ecc.
Documenti utili
CampagneSocial
Link e utilità diverse
Area riservata dirigenti
 
 
 
Link e utilità diverse


Home Page > Link e utilità diverse > archivio notizie e documenti > Progetti L.383 > Bando 2009 Lettera F

Bando 2009 Lettera F

 

NOME ASSOCIAZIONE: CTG – Centro Turistico Giovanile

TITOLO DELL’INIZIATIVA: “La sfida educativa – circoli, parrocchie e gruppi in un progetto di rete” - lettera F

DIAGRAMMA DI GAANT DEL PROGETTO

 

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

FASE I

x

x

x

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FASE II

 

x

x

x

x

x

 

 

 

 

 

 

FASE III

 

 

 

x

x

x

x

x

 

 

 

 

FASE IV

 

 

 

 

 

 

x

x

x

x

x

x

FASE V

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

 

DESCRIZIONE FASI:

FASE N. 1 : progettazione esecutiva

DURATA PRESUNTA: DA LUGLIO 2010 A SETTEMBRE 2010

ATTIVITA’: progettazione esecutiva, raccolta dei fabbisogni analitici e delle buone pratiche, costituzione del comitato di pilotaggio e del comitato tecnico-scientifico, incontro di lancio dell’iniziativa.

 

FASE N. 2: preparazione degli strumenti di rialfabetizzazione

DURATA PRESUNTA: DA AGOSTO 2010 A DICEMBRE 2010

ATTIVITA’: preparazione degli strumenti di rialfabetizzazione linguistica e alfabetizzazione informatica, sotto forma tanto di DVD interattivi fruibili anche dal televisore che di opuscoli.

 

FASE N. 3: formazione

DURATA PRESUNTA: DA OTTOBRE 2010 A FEBBRAIO 2011

ATTIVITA’: formazione degli operatori di contatto.

 

FASE N. 4: evento finale

DURATA PRESUNTA: DA GENNAIO 2011 A GIUGNO 2011

ATTIVITA’: evento finale, come da accordo tra i progetti lettera F delle associazioni ACSI, CTG/ETSI, AIG/FITUS, FITEL, ANTEAS, AICS, è previsto l’utilizzo a favore di tutte le reti dei materiali autodidattici prodotti ed altresì la realizzazione di un evento finale comune che, tra l’altro, illustri i risultati di queste sinergie.

 

FASE N. 5: monitoraggio

DURATA PRESUNTA: DA LUGLIO 2010 A GIUGNO 2011

ATTIVITA’: gestione amministrativa, monitoraggio sulle attività e i risultati e monitoraggio indipendente.

 

DESCRIZIONE ATTIVITA’ SVOLTE IN SINERGIA CON: ACSI, CTG, AIG, FITEL, ANTEAS, AICS, ADICONSUM, ETSI

ATTIVITA’ N. 1

DESCRIZIONE: Organizzazione e realizzazione di una riunione per attivare le sinergie tra le iniziative e definire le modalità di scambio di materiali e metodologie, che verranno attuati all’interno delle singole iniziative.

FASE IN CUI AVVIENE: FASE 2

DURATA PRESUNTA (O DATA): DA  NOVEMBRE 2010 A DICEMBRE 2010

 

ATTIVITA’ N. 2

DESCRIZIONE: Realizzazione convegno finale comune, verifica risultati raggiunti dalle attività sinergiche.

FASE IN CUI AVVIENE: FASE 4

DURATA PRESUNTA (O DATA): DA APRILE 2011 A GIUGNO 2011

 (Quest’ultima parte dovrà essere uguale per tutte le associazioni coinvolte nella sinergia nell’ambito dell’iniziativa/progetto. Dovrà essere diversa nei contenuti tra iniziativa e progetto).

 

 

Descrizione dell’iniziativa/progetto ed Ambiti operativi di intervento (punto 2.1 - 2.2 della Direttiva):

L’idea

 

In questo momento di crisi economica le risposte istituzionali tendono a concentrarsi sulla assistenza a chi perde il lavoro, con sussidi economici ed interventi formativi, riducendo ancora di più gli interventi di supporto per chi non riesce ad entrare stabilmente nel mercato del lavoro o ne è ai margini.

Eppure queste cosiddette “categorie di disagio” sono le più colpite dalla crisi perché i loro rapporti lavorativi possono essere risolti senza grandi formalità.

Oltre agli immigrati (prima e seconda generazione) ci sono nel nostro Paese un gran numero di giovani senza titolo di studio e di adulti senza qualifica.

Secondo i dati dell’OCSE il nostro sistema formativo non riesce a portare al diploma di scuola media superiore il 33% dei giovani (a confronto con il 22% della media OCSE) e oltre il 40% degli adulti in età da lavoro non ha un titolo di studio superiore o una qualifica lavorativa equivalente.

Inoltre, tanto tra gli immigrati (prima e seconda generazione) che tra gli adolescenti esiste un numero significativo di persone che sono prive delle conoscenze che consentano una cittadinanza attiva, non parliamo solo della mancata alfabetizzazione informatica e telematica, ma anche della mancata conoscenza di elementi fondamentali relativi ai diritti e doveri dei cittadini e di una seria difficoltà a scrivere in italiano e a capire il senso completo di quanto leggono.

Secondo i dati Eurostat in Italia nel 2006 più del 20% dei giovani lasciano la scuola media senza accedere ad un percorso superiore o formativo. Il dato però sale al 25,5% nelle regioni del Sud.

Il 34,7% dei giovani di 15 anni delle regioni meridionali hanno una capacità di lettura in italiano solamente di base, contro il 14,7% delle regioni centro-meridionali: si tratta di una vera e propria emergenza educativa poco conosciuta e contro la quale poco si sta facendo.

Pensiamo perciò che le parrocchie, i circoli, le sedi sindacali possano e debbano essere anche il luogo per una “rialfabetizzazione” dei giovani italiani e degli stranieri.

Come abbiamo detto, il fenomeno, che si presenta in tutta Italia, è più acuto nelle regioni meridionali dove si concentra l’abbandono scolastico addirittura precedente la conclusione dell’età in cui vige l’obbligo formativo.

 

 

Le esigenze rilevate

 

A livello macro-economico i dati OCSE, ma anche i dati del Ministero dell’Istruzione evidenziano uno scollamento rispetto ai Paesi più avanzati che non viene colmato e che viene confermato dai dati Eurostat.

Dobbiamo però dire che le esigenze formative che vogliamo soddisfare sono messe in evidenza a partire proprio dalle parrocchie, dai circoli, dai gruppi di base che si trovano quotidianamente di fronte a giovani italiani o immigrati che non solo hanno molto spesso problemi lavorativi ma ancor più spesso hanno difficoltà nell’integrarsi nella vita sociale per carenze linguistiche, informatiche e culturali.

In un Paese la cui pubblica amministrazione tende ad utilizzare internet in maniera quasi esclusiva, chi non sa neppure usare il computer ed ha anche difficoltà ad usare correttamente la lingua italiana, viene costretto ai margini, pertanto è forte l’esigenza da un lato di seminari di aggiornamento e sensibilizzazione degli operatori e dall’altro di strumenti per la rialfabetizzazione, l’alfabetizzazione minima informatica e telematica, l’illustrazione semplice e chiara di tanti aspetti della vita sociale che rischiano di rimanere inaccessibili a queste categorie che vivono nel disagio culturale e spesso anche economico.

 

Gli obiettivi perseguiti

 

In questo contesto gli obiettivi perseguiti sono pertanto quelli di:

-          reperire buone pratiche e coinvolgere gli altri attori locali anche con un seminario di lancio;

-          formare gli operatori di contatto;

-          predisporre strumenti di rialfabetizzazione linguistica e alfabetizzazione informatica, sotto forma tanto di DVD interattivi fruibili anche dal televisore che di opuscoli;

-          diffondere i materiali e le esperienze all’interno delle proprie reti ed anche all’esterno con un convegno finale.

 

Fasi di attuazione

 

Fase1: raccolta dei fabbisogni analitici e delle buone pratiche, costituzione del comitato di pilotaggio e del comitato tecnico-scientifico, incontro di lancio dell’iniziativa.

 

Fase2: preparazione degli strumenti di rialfabetizzazione linguistica e alfabetizzazione informatica, sotto forma tanto di DVD interattivi fruibili anche dal televisore che di opuscoli.

 

Fase3: formazione degli operatori di contatto.

 

Fase4: evento finale, come da accordo tra i progetti lettera F delle associazioni ACSI, CTG/ETSI, AIG/FITUS, FITEL, ANTEAS, AICS, è previsto l’utilizzo a favore di tutte le reti dei materiali autodidattici prodotti ed altresì la realizzazione di un evento finale comune che, tra l’altro, illustri i risultati di queste sinergie.

 

Fase5: gestione amministrativa, monitoraggio sulle attività e i risultati e monitoraggio indipendente

 

 

Metodologie

 

L’intero progetto si basa sulla metodologia di lavoro ricerca/intervento, per cui ogni singola fase verrà influenzata dai risultati della prima fase e dal monitoraggio interno e da quello indipendente.

Saranno predisposti strumenti metodologici adeguati per la formazione degli operatori di contatto. Una precisa guida verrà strutturata per selezionare ed accompagnare le iniziative concrete di sperimentazione.

 

 

Strumenti e prodotti tecnologicamente avanzati e interattivi

 

Verrà realizzatio un dvd interattivo contenente gli strumenti di rialfabetizzazione linguistica e alfabetizzazione informatica. Il dvd interattivo è uno strumento che può essere fruito tanto su computer che su televisore munito di lettore e pertanto raggiunge una vastissima platea di beneficiari. I dvd prodotti conterranno un percorso formativo accompagnato da documenti, testi, immagini, filmati ed esempi.

 

 

I risultati attesi

Al termine del progetto ci si attende da un lato di avere significativamente coinvolto un grande numero di strutture della rete CTG e di quella Etsi in un percorso di lavoro di rialfabetizzazione linguistica e alfabetizzazione informatica per giovani ed immigrati  e dall’altro di avere prodotto strumenti metodologici e didattici che possano consentire una forte moltiplicazione delle iniziative.

 

 

Ambiti operativi dell’iniziativa/progetto (Punto 2.1 - 2.2 della Direttiva):

·         Sostegno a misure in favore di minori,adolescenti e giovani

·         Interventi di sostegno alle persone in condizioni di disagio socio-economico

·         Interventi di sostegno per l’inclusione sociale con particolare riferimento a cittadini migranti di prima e seconda generazione

·         Interventi di sostegno ad iniziative in materia di pari opportunità.

 

Durata complessiva dell’iniziativa/progetto (Punto 3 della Direttiva)

12 mesi

 

Articolazione temporale dell’iniziativa/progetto (per fasi e soggetto/i attuatore/i: proponente, co-proponente, affiliato, associato, soggetto federato e articolazione territoriale):

 

N. Fase

Denominazione

Fase

Durata

(in mesi)

Soggetto/i attuatore/i

 

 I

raccolta dei fabbisogni analitici e delle buone pratiche, costituzione del comitato di pilotaggio e del comitato tecnico-scientifico, incontro di lancio dell’iniziativa

3

CTG/ETSI

II

preparazione degli strumenti di rialfabetizzazione linguistica e alfabetizzazione informatica

5

CTG/ETSI

III

formazione degli operatori di contatto

5

CTG/ETSI

IV

diffusione dei materiali e le esperienze all’interno delle proprie reti ed anche all’esterno con un convegno finale.

 

6

CTG/ETSI

V

gestione amministrativa, monitoraggio sulle attività e i risultati e monitoraggio indipendente

12

CTG/ETSI

 

Diagramma di Gannt dell’iniziativa/progetto (il diagramma va compilato indicando sulla colonna “Fasi” il numero della Fase dell’iniziativa/progetto e annerendo, la relativa riga, in corrispondenza del periodo – espresso in mesi – di svolgimento di ciascuna Fase. Il mese 1 corrisponde al mese di avvio dell’iniziativa/progetto):

 

 

DURATA (in mesi)

FASI/ATTIVITA'

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

I

x

x

x

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

II

 

x

x

x

x

x

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

III

 

 

 

x

x

x

x

x

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IV

 

 

 

 

 

 

x

x

x

x

x

x

 

 

 

 

 

 

V

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

x

 

 

 

 

 

 

 

Ambito territoriale (indicare l’ambito territoriale – per regioni, province, comuni –in cui ricade l’iniziativa/progetto. N.B.: L’ambito territoriale non deve coincidere solamente con le regioni, province e comuni di provenienza dei destinatari e/o dei soggetti attuatori e/o coinvolti nell’iniziativa/progetto, ma si deve trattare di una effettiva partecipazione, attiva e di fatto, del tessuto territoriale interessato:

 

Le attività del progetto saranno svolte in 15 regioni con particolare riferimento alle attività da svolgere nelle regioni Toscana, Puglia, Campania, Calabria e Sicilia e prevedono il coinvolgimento attivo di molti enti locali tra i quali :

-          Comune di Foggia

-          Città di Nardò (LE)

-          Città di Monopoli (BA).

-          Città di Accadia (FO)

-          Città di Capannori (LU)

Saranno coinvolte le seguenti città:

Abruzzo – Bomba (Chieti)

Calabria – Marano Principato (Cosenza) e Cerisano (Cosenza)

Campania – Ogliastro Cilento (Salerno)

Emilia Romagna – Corticella (Reggio Emilia)

Friuli Venezia Giulia – Cividale del Friuli (Udine)

Liguria – Loano (Savona)

Lazio – Roma, Latina, Cave (Roma)

Marche – Porto Sant'Elpidio (Ascoli Piceno)

Lombardia – Crema (Cremona)

Puglia – Nardò (Lecce), Monopoli (Bari), Foggia

Sicilia – Mili San Pietro (Messina)

Toscana – Capannori (Lucca)

Trentino Alto Adige – Povo (Trento)

Umbria – Acquasparta (Terni)

Veneto - Rovigo

 

 

 

 

Saranno coinvolti 120 volontari e dirigenti di CTG ed ETSI che a loro volta attiveranno percorsi di alfabetizzazione e rialfabetizzazione sul territorio.

 

 

 

 

 

 

Destinatari dell’iniziativa/progetto (per destinatari si intendono i beneficiari effettivamente raggiunti dall’iniziativa/progetto in ragione delle attività da espletare e non i soggetti comunque interessati e/o coinvolti nelle relative attività).

 

Trasferibilità dell’iniziativa/progetto e/o dei risultati (descrivere se e con quali modalità di prevedere la trasferibilità e/o la ripetibilità dell’iniziativa/progetto e/o dei risultati attesi anche a contesti ulteriori e diversi da quelli di riferimento):

Il progetto è tutto improntato alla trasferibilità dei risultati visto che gran parte delle sue azioni sono propedeutiche a successivi interventi locali, soprattutto nel sud e nelle zone periferiche.

In particolare la predisposizione di un DVD interattivo e la formazione degli operatori di contatto garantiscono la trasferibilità successiva.

 

  • Elencare le attività di formazione (specificare  l’associazione di appartenenza)

 

numero

Titolo del corso di formazione

 

Numero, tipologia di destinatari

Docenti e argomenti trattati

Durata e luogo di svolgimento

I

 

Formazione degli operatori di contatto

60 operatori

Esperti di comunicazione e di didattica

Un momento residenziale di 3 giorni

II

DVD interattivo di rialfabetizzazione alla lingua italiana e alfabetizzazione per stranieri

200 volontari e dirigenti CTG ed ETSI che fonderanno da formatori

rialfabetizzazione alla lingua italiana e alfabetizzazione per stranieri

 

III

DVD interattivo di alfabetizzazione informatica

200 volontari e dirigenti CTG ed ETSI che fonderanno da formatori

alfabetizzazione informatica

 

 

  •  
  •  
  • Strumenti di valutazione e di monitoraggio intermedi e/o finali

(Indicare, solo se previsti, gli strumenti di valutazione intermedi e/o finali eventualmente applicati con riferimento a ciascuna azione/risultato/obiettivo d progetto)

Obiettivo

Attività

Tipologia strumenti

Valutare il gradimento delle metodologie e dei materiali proposti

Riunioni del comitato di pilotaggio e monitoraggio interno con il supporto di un valutatore esterno

Somministrazione di un questionario o intervento di un valutatore esterno

Valutare l’efficacia delle metodologie e dei materiali proposti e dei 2 DVD autodidattici

Riunioni del comitato di pilotaggio e monitoraggio interno con il supporto di un valutatore esterno

Somministrazione di un test

Monitorare lo stato di attuazione dell’iniziativa

Riunioni del comitato di pilotaggio e monitoraggio interno

Check-list di lavoro

Monitorare il livello di raggiungimento degli obiettivi

Supporto di un valutatore esterno

Focus group

Valutare l’impatto esterno dell’iniziativa

Supporto di un valutatore esterno

Analisi e interviste a testimoni privilegiati


 
 I materiali realizzati

Richiedi la tua copia alla Segreteria nazionale... se non l'hai ricevuta!!!!
 

Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

E book di presentazione
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

I DVD realizzati
Alfabetizzazione informatica Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

I DVD realizzati
Alfabetizzazione linguistica Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

L'opuscolo informativo
Come consultare, trovare e implementare il nostro sito internet? Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore


Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente

Da leggere subito  | Chi siamo  | Dove siamo  | Le nostre attività  | Ospitalità Ctg  | Notizie Ctg  | Siti e news territoriali Ctg  | Come associarsi  | Sconti ai Soci  | accordi Siae,Enpals,ecc.  | Documenti utili  | CampagneSocial  | Link e utilità diverse  | Area riservata dirigenti
 
  CTG - Via della Pigna, 13/a - 00186 Roma (RM) - tel. 06.679.50.77 - fax 06.697.56.174 - ctg@ctg.it - C.F. 80206690580
Sito ufficiale CTG Centro Turistico Giovanile - Copyright © 2017 CTG - Powered by Soluzione-web -
 
  SantaBona Hospites Itinerari Veneti Servizio offerto da  Soluzione