martedì 12 dicembre 2017  -  Fai diventare questo sito la tua Home Page   Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti   Scrivici   Feed Rss  Facebook 
 
Home page
Da leggere subito
Chi siamo
Dove siamo
Le nostre attività
Ospitalità Ctg
Notizie Ctg
Siti e news territoriali Ctg
Come associarsi
Sconti ai Soci
accordi Siae,Enpals,ecc.
Documenti utili
CampagneSocial
Link e utilità diverse
Area riservata dirigenti
 
 
 
Link e utilità diverse


Home Page > Link e utilità diverse > archivio notizie e documenti > Progetti L.383 > Bando 2008 lettera F > Tur Formando

Tur Formando

Relazione finale del progetto

TUR - FORMANDO - CTG ed ETSI: formare i quadri del turismo sociale

Progetto finanziato 2008 – L. 383/2000 art.12 lettera F

 

 

 

Il progetto “TUR - FORMANDO - CTG ed ETSI: formare i quadri del turismo sociale” finanziato ai sensi dell’art. 12, c. 3, lett. f), legge n. 383/2000 – Direttiva 2008, ha avuto inizio il 2 novembre 2009.

La prima iniziativa, il seminario di lancio svoltosi presso la Casa per Ferie Getsemani di Paestum a Capaccio (SA), si è svolta all’insegna dello studio sulle necessità formative dei quadri del Turismo sociale e nella fattispecie il confronto tra le realtà locali e il processo di costruzione della cittadinanza europea. I temi trattati sono stati quelli del turismo giovanile a carattere educativo, dell’associazionismo e del volontariato nella società contemporanea oltre che della partecipazione attiva alla società. Si è messa a fuoco con i partecipanti, la funzione sociale ed educativa delle Associazioni che, facendo lavorare e impegnare al loro interno persone diverse – per età, cultura, aspettative – consentono a ciascuno di crescere in modo più consapevole e maturo, abituandoli al confronto, alla relazione, alla socializzazione.   

 

Sempre nel mese di novembre, dal 20 al 22 nella sede di Capaccio è stato svolto un secondo incontro di analisi dei fabbisogni formativi delle nuove figure professionali del turismo sociale. L’evento è stato collegato alla presentazione della Borsa del Mediterraneo del Turismo, svoltasi negli stessi giorni, e che ha fornito utili spunti di discussione ai partecipanti, perché infatti obiettivo del progetto è stato quello di avviare una specializzazione e professionalizzazione tanto dei volontari quanto dei collaboratori del CTG ed ETSI.

I primi due mesi di attività sono stati caratterizzati dal reperimento del personale, la costituzione di un comitato tecnico scientifico, la raccolta e la valutazione delle possibili proposte in merito ai fabbisogni formativi delle nuove figure professionali del turismo sociale e all’avvio delle attività amministrativa e di rendicontazione.

Gli elementi chiave del progetto sono stati specializzazione e professionalizzazione, la ricerca sui criteri di valutazione delle strutture, ricerca sull’analisi degli strumenti e dei prodotti diffusione dei dati e delle esperienze raccolte, la raccolta dei dati ai fini, analisi dei fabbisogni formativi.

 

Il tempo successivo, fino a febbraio 2010, è stato dedicato alla raccolta dei dati ai fini dell'elaborazione delle prime analisi dei bisogni formativi delle figure professionali del turismo sociale. Le attività sono state svolte presso diverse sedi locali, sempre coordinate e alla presenza del gruppo di riferimento della cabina di regia a livello nazionale.

 

La diversificazione delle sedi ha permesso di incrementare la partecipazione dei volontari che hanno potuto scegliere la location più vicina alle proprie esperienze, coniugando meglio i propri impegni lavorativi. Le sedi degli incontri di attuazione sono state 3: Verona, Firenze e Brindisi, rispettivamente nei giorni 9 gennaio, 23 gennaio e 7 febbraio.

 

Attraverso i seminari di ricerca tenutisi a Vorno (LU) dal 12 al 14 febbraio e dal 19 al 21 febbraio 2010, si è dato avvio alla ricerca sui criteri di valutazione delle strutture adeguate alle necessità di persone con bisogni speciali. Tale ricerca, che è proseguita anche con un sopralluogo a Rimini il 9/10 aprile, ha avuto lo scopo di realizzare un primo repertorio di strutture del turismo sociale adatte strutturalmente e disponibili all’accoglienza di disabili (motori, fisici in genere e mentali) che attualmente non esiste neppure per le strutture del turismo tradizionale e commerciale in senso stretto e che, al contrario, trova terreno fertile nell’ambito del turismo sociale.

 

Il mese di aprile è stato interessato, inoltre, dall’organizzazione del Convegno il “Turismo che educa”, una ulteriore manifestazione di divulgazione del lavoro svolto e delle attività del progetto “Tur –Formando” che ha evidenziato i dati raccolti durante la ricerca sull’analisi degli strumenti e dei prodotti con cui viene “venduto” il turismo sociale.

 

 

Nel mese di maggio l’attenzione è stata rivolta ad una prima diffusione dei dati e delle esperienze raccolte e ideate durante i mesi precedenti, in particolare si è diffuso il progetto con attività svolte in tutta Italia a carattere ludico ricreativo ed indirizzate ai minori. L’organizzazione è stata curata dai dirigenti e soci del CTG e dalla Presidenza nazionale che si è riunita a Loreto il 14-15 maggio, organizzando anche un evento ludico in piazza, in collaborazione con soggetti locali e studenti collegati all’Università cattolica di Milano.

 

Le suddette attività  hanno risposto agli ambiti operativi che erano stati individuati in fase di rimodulazione e soprattutto ad un sostegno a misura dei minori, adolescenti e giovani, alle persone con disagi sia economici che fisici. L’esperimento ha suscitato notevole interesse, tanto che la Presidenza ha deciso di proporre attraverso un percorso formativo tipo, rivolto a giovani dirigenti under 30, l’esperienza acquisita nel mese di maggio. Dal 2 al 6 giugno a Rimini i ragazzi hanno avuto l’onere di auto organizzarsi uno stage ludico-formativo, mettendo in pratica le buone prassi raccolte nelle sedi dei corsi e progettando un incontro attivo sul territorio. Il progetto realizzato ha mostrato il suo carattere di trasferibilità in qualunque realtà territoriale e struttura pronta a cimentarsi nel settore del turismo sociale e del non profit, con attenzione particolare ai minori ed adolescenti.

 

Durante tutto l’arco del progetto sono stati organizzati incontri di monitoraggio interno che hanno permesso la divulgazione del lavoro svolto e la calendarizzazione delle attività da svolgere.

 

Il progetto è stato completato da una ricerca di analisi dell’attuale situazione delle reti tecnologiche, degli strumenti e dei prodotti con cui viene promosso e proposto il turismo sociale; tale ricerca è stata realizzata da personale interno all’Associazione.

 

Nei mesi di luglio e agosto infine, sono state collezionate le esperienze e raccolti i dati per concludere e selezionare le informazioni utili alla realizzazione del catalogo di strutture del turismo sociale per l’accoglienza di disabili (motori, fisici in genere e mentali) che attualmente non esiste neppure per il turismo tradizionale. Il completamento di un catalogo di strutture del turismo sociale, specifico per i disabili, ha un carattere di innovazione decisivo perché copre una lacuna veramente grave e discriminante. Specifichiamo che le spese sostenute per la realizzazione del catalogo, per motivi di budget, non sono state imputate al progetto.

 

Durante tutto lo svolgimento del progetto, tutti gli strumenti associativi delle due associazioni proponenti, hanno seguito le varie fasi, rilanciando i risultati parziali via che emergevano. In particolare il sito CTG ha avuto uno spazio dedicato, in cui tutti i partecipanti potevano seguire gli sviluppi delle diverse fasi del progetto, rilanciando e offrendo contributi di riflessione. Anche la rivista Turismo Giovanile ha seguito il progetto, pubblicando periodicamente lo stato di avanzamento dello stesso, per mantenere collegati al progetto anche coloro che hanno meno dimestichezza con l’uso delle tecnologie e per informare i soci e lettori non direttamente coinvolti nel progetto.

 

Per concludere si segnala che il progetto, ha avuto come riscontro una forte partecipazione e sensibilizzazione tanto dei volontari che dei collaboratori di CTG e ETSI. A conclusione del progetto, nel mese di ottobre si è svolta una riunione di diffusione dei risultati finali che ha visto coinvolti i dirigenti che hanno partecipato alle attività progettuali , tutte le spese sono state a carico del CTG e non imputate a progetto.

 

 

 

Roma, 11 novembre 2010                                                       Il responsabile del progetto


 

Salva questo testoSegnala ad un amicoStampaTorna alla pagina precedente

Da leggere subito  | Chi siamo  | Dove siamo  | Le nostre attività  | Ospitalità Ctg  | Notizie Ctg  | Siti e news territoriali Ctg  | Come associarsi  | Sconti ai Soci  | accordi Siae,Enpals,ecc.  | Documenti utili  | CampagneSocial  | Link e utilità diverse  | Area riservata dirigenti
 
  CTG - Via della Pigna, 13/a - 00186 Roma (RM) - tel. 06.679.50.77 - fax 06.697.56.174 - ctg@ctg.it - C.F. 80206690580
Sito ufficiale CTG Centro Turistico Giovanile - Copyright © 2017 CTG - Powered by Soluzione-web -
 
  SantaBona Hospites Itinerari Veneti Servizio offerto da  Soluzione